Home POLITICA ROMA Roma, Lozzi lascia il M5s per Italexit. Candidata a sindaco con Paragone

Roma, Lozzi lascia il M5s per Italexit. Candidata a sindaco con Paragone

La presidente del VII municipio di Roma, Monica Lozzi, ufficializza l’uscita dal Movimento 5 Stelle e lo fa con un durissimo J‘accuse. “Oggi esco da un partito che ha disatteso gran parte delle sue istanze, illudendo i cittadini di poter e voler davvero cambiare le cose in questo Paese”.

Intanto alla Camera Gianluigi Paragone, un altro ex M5s, annuncia che Monica Lozzi è entrata in Italexit e “sarà la nostra candidata a sindaco di Roma”.

“Classe dirigente non all’altezza”

Nel lungo post Facebook, Lozzi punta il dito verso “una classe dirigente non all’altezza e priva di ogni vera visione politica e capacità di ascolto“.

Davanti all’abbandono dei territori non si può “far finta di niente” prosegue la presidente, ormai ex pentastellata. “Oggi è il giorno in cui esco dal Movimento 5 stelle. L’unica scelta che consente di preservare la mia dignità, di camminare a testa alta e di non essere complice. Iniziando una battaglia di Davide contro Golia con la consapevolezza di rendere ancora più difficile il mio futuro politico”.

“Il partito del meno peggio”

“Ci sono giorni in cui bisogna prendere il coraggio a due mani e fare delle scelte importanti anche se, a volte, difficili e scomode. Oggi è uno di quei giorni, perchè non si può essere testimoni in prima persona dell’abbandono totale dei territori e del loro attivismo e far finta di niente. Non si può essere parte e spettatore silente di un gruppo nato sui principi della valorizzazione del merito, della crescita culturale, della partecipazione dei cittadini, della trasparenza, della democrazia e ritrovarsi a sostenere un partito del meno peggio, in cui l’apparire vince sull’essere”.

“Il sogno mandato in frantumi”

L’informazione è divenuta una mera propaganda funzionale a trasformare i cittadini in fan dei più famosi. La democrazia interna si è rivelata una cieca oligarchia e una comunità anti sistema è diventata un centro di potere asservito con la sola finalità di preservare alcune posizioni personali raggiunte. Oggi è il giorno in cui esco dal Movimento 5 stelle. Oggi è il giorno in cui mi lascio alle spalle l’amarezza e la delusione di aver creduto in un sogno mandato in frantumi da una classe dirigente non all’altezza e priva di ogni vera visione politica e capacità di ascolto”.

“Lascio M5s a quei pochi che forse ne usufruiranno in futuro”

“Oggi sì, è quel giorno, ma è anche il giorno in cui continuerò con determinazione a portare con me quei temi che a suo tempo mi fecero entrare in Politica e che da 4 anni hanno contraddistinto i risultati raggiunti da Amministratore qui a Roma.
Esco da un simbolo che lascio a quei pochi che forse ne usufruiranno in futuro, portando con me quei principi e quei valori funzionali ad una politica vera al servizio della collettività di questo Paese”.

“Continuerò a svolgere, con il sostegno della maggioranza, – precisa Lozzi – il ruolo di Presidente del Municipio VII di Roma nel rispetto del programma elettorale con cui sono stata eletta”.