Home ATTUALITÀ Roma, manca l’insegnante di sostegno: bimbo autistico a scuola solo da giovedì

    Roma, manca l’insegnante di sostegno: bimbo autistico a scuola solo da giovedì

    Il sit in davanti alla scuola Pio La Torre a Roma (foto Onlus Oltre lo sguardo)

    “Giovedì prossimo Gianluigi avrà la sua insegnante di sostegno”. Questa la promessa del dirigente scolastico dell’Istituto Pio La Torre a Roma alle famiglie che questa mattina protestavano per l’assenza di insegnanti di sostegno. Mancanza che ieri ha impedito a Gianluigi un bambino autistico di 9 anni di entrare a scuola e poter così festeggiare il primo giorno insieme ai compagni.

    Oggi alcuni genitori di alunni disabili si sono ritrovati davanti ai cancelli della scuola di via di Torrevecchia a Roma. Un sit in promosso dalla Onlus Oltre lo sguardo per denunciare la violazione del diritto allo studio, sancito dalla Costituzione, per l’assenza degli insegnanti di sostegno.

    “Il grave problema della mancanza dell’insegnante di sostegno è presente in tutta Italia da sempre- spiega la presidente della Onlus Oltre lo sguardo -. La differenza quest’anno è che dopo 7 mesi dal lockdown speravamo che i problemi fossero risolti. Ci aspettavamo che la pandemia avrebbe cambiato il sistema e garantito un inizio di anno senza problematiche. Invece anche questa volta ci ritroviamo a subire gli stessi problemi burocratici e le stesse mancanze”. Infine la presidente della Onlus lancia un invito alla sindaca Raggi: “Ci avrebbe fatto piacere vederla accompagnare in incognito l’ingresso a scuola di uno dei nostri studenti con disabilità. Che ne direbbe di accompagnare lei proprio Gianluigi a scuola?”.

    La comunicazione della scuola

    “Si comunica che l’Istituto Comprensivo Pio La Torre, – scrive il dirigente scolastico Giulio Silvestro – ha provveduto ad effettuare le convocazioni sui 9 posti di sostegno scuola primaria mancanti. I docenti sono stati convocati per il giorno giovedi 17/09/2020 e ricopriranno l’incarico per 10 giorni. Presumibilmente dal 24 settembre in poi i docenti saranno nominati direttamente dall’Usr Lazio. Si precisa e si sottolinea che la scuola è inclusiva ed accoglie tutti i bambini anche quando non tutto l’organico è al completo. Questo principio vale anche per il corrente anno scolastico”.