Home CRONACA ROMA Anzio, rapinava ragazzini minacciandoli con un coltello: arrestato capo baby gang

Anzio, rapinava ragazzini minacciandoli con un coltello: arrestato capo baby gang

Era a capo di una vera e propria banda di ragazzini, il giovane arrestato questa mattina alle prime luci dell’alba dai Carabinieri della Compagnia di Anzio.

Al 18enne, già con diversi precedenti, i Carabinieri addebitano almeno due rapine consumate tra Lavinio e Nettuno nel periodo tra febbraio e luglio 2020, oltre a numerosi episodi di ricettazione di telefoni cellulari risultati rubati in altrettante rapine e l’aggressione a un cittadino pakistano avvenuta, con l’aggravante razziale, a maggio 2020.

Il modus operandi era più o meno sempre lo stesso. Il malvivente – domiciliato con i suoi familiari di origini rom, in una palazzina, occupata abusivamente, nel quartiere Zodiaco di Anzio – si avvicinava, accompagnato da alcuni suoi amici, a ragazzi di giovanissima età, spesso minorenni (in un episodio la vittima è addirittura un dodicenne) e, dopo averli accerchiati e picchiati, spesso tenendoli sotto minaccia con un coltello a serramanico, gli rubavano cellulari, soldi, orologi e catenine d’oro.

I Carabinieri della Stazione di Lavinio Lido di Enea, dopo aver convocato le vittime, analizzato i filmati degli impianti di videosorveglianza privata e studiato con attenzione i tabulati di telefonia, hanno raccolto indizi di colpevolezza tali da mandare in carcere il 18enne.